Biografia - Giorgio Tiboni - Tenore - Personal Website

Vai ai contenuti

Menu principale:

Biografia

 

  

 
 

Violinista, ha cominciato gli studi musicali presso la Civica Scuola di Musica di Sesto S.Giovanni, sua città natale, dedicandosi solo successivamente allo studio del canto presso la Civica Scuola Musicale di Milano. Grazie ad una riconosciuta versatilità vocale, prende parte a concerti a tema sacro e/o lirico/cameristico affrontando repertori eterogenei: da Monteverdi ai contemporanei, comprendendo inoltre l’Operetta, la Commedia Musicale e il Teatro/Cabaret. Ha lavorato con illustri Direttori, quali Renèe Clemencic [“Vespro della Beata Vergine” di Monteverdi] ed Eric Hull [“Responsori del Venerdì Santo” di Carissimi], e prestigiosi Ensemble strumentali come il “Gruppo Entr’Acte-Musicisti del Teatro alla Scala di Milano”.
E’ attivo inoltre nell’ambito del repertorio Barocco/Rinascimentale, collaborando alla realizzazione di concerti ed incisioni discografiche con gli Ensemble “Arte-Musica”, “Ars Cantica Consort”, “Vox Hesperia”, “Nova Schola Sancti Simpliciani”, “Il Meliloto”, “Madrigalisti Ambrosiani”, "Accademia Roveretana di Musica Antica”.
Ha al suo attivo diverse “prime esecuzioni” di composizioni di autori contemporanei, tra i quali Castiglioni, Danieli, Grisoni, Zanolini e Castagnoli.
Ha inciso per Naxos, Sarx, Rodaviva, Recording Arts e Bottega Discantica, cui si affiancano collaborazioni nella realizzazione di spot pubblicitari e di musiche per cinema e teatro di prosa.
In Teatro ha interpretato alcuni tra i titoli maggiori che vedono impegnati tenori lirico-leggeri: “Il Barbiere di Siviglia” [Conte Almaviva] e “La cambiale di matrimonio” [Edoardo] di Rossini, “Don Pasquale” [Ernesto], “L’elisir d’amore” [Nemorino], “Rita”[Beppe] e “Lucia di Lammermoor” [Arturo] di Donizetti, “Le Nozze di Figaro” [Don Basilio] di Mozart, “Il Matrimonio Segreto” [Paolino] di Cimarosa, “Pagliacci” [Peppe(Arlecchino)] di Leoncavallo, estendendo il repertorio ad altri titoli non meno impegnativi quali, “La Vedova allegra” [Camillo] di Lehar, “West Side Story” [Tony] di Bernstein, “L’Opera da tre soldi” [Macheat] di Brecht/Weill.
Immancabili nel panorama le interpretazioni di ruoli minori in opere quali “Falstaff” [Dr.Cajus/Bardolfo], “La Traviata” [Gastone], “Aida” [Il Messaggero], “Rigoletto” [Borsa] e “Il Trovatore” [Ruiz] di Verdi, “Tosca” [Spoletta], “Madama Butterfly” [Goro], “Turandot” [Pong/Pang] e “Gianni Schicchi” [Gherardo] di Puccini, “Andrea Chenier” [L’Incredibile] di Giordano, “Carmen” [Remendado] di Bizet.
Riguardo al repertorio Sacro si segnalano applaudite esecuzioni della "Petite Messe Solennelle" e dello "Stabat Mater" di Rossini, del “Requiem” di Mozart  (si ricorda l’esecuzione in Sala Verdi del Conservatorio di Milano [dic.03] con l’Orchestra Mozart), dei “Carmina Burana” di Orff, della “Messa in La b magg. D678” di Schubert (Dir. O.Dantone), ma soprattutto è da sottolineare una intensa attività a repertorio Bachiano (tra i Direttori: A.Ceccato, M.Horvat) in collaborazione con titolate orchestre ed istituzioni musicali: Orchestra Stabile “Toscanini” dell’Emilia Romagna, Orchestra I Pomeriggi Musicali, Fondazione UECO, Orchestra Mozart, Orchestra Lirico-Sinfonica della Provincia di Lecco.
Grande passione sono da sempre le operette. Oltre a prender parte a recital e concerti a tema, ha collaborato con la Compagnia Stabile di Operette “Alfa Folìes” di Torino e l’Associazione “Fuoriscena” di Milano, con le quali ha ottenuto univoci consensi di pubblico e critica portando in scena “La Città Rosa” [Kerì] di Lombardo e Ranzato, “Una Notte a Venezia” [Caramello] di Strauss e “La Duchessa del Bal Tabarin” [Principe Ottavio] di Bard, in vari teatri italiani, tra cui il ‘Donizetti’ di Bergamo, il ‘Dante Alighieri’ di Ravenna e il ‘Marrucino’ di Chieti.
Debutti recenti e positivi nei ruoli di Ferrando nel “Così fan tutte”  e di Don Ottavio nel “Don Giovanni” di Mozart presso il Fulgsoecenter di Aarhus (DK), e l’esecuzione della Cantata BWV60 di Bach presso la ‘Vatroslav Lisinski Concert Hall’ di Zagabria per la stagione sinfonica della Zagrebaèka Filharmonija Orchestra (dir. M.Horvat).
Nel mese di marzo 2005 ha eseguito ed inciso per NAXOS la parte di tenore solista nelle ultime 3 cantate sacre di G.B.Sammartini (prima esecuzione moderna) con la Symphonica Ensemble diretta da D.Ferrari, a completamento di un progetto musicale iniziato nel 2002.
Da segnalare una intensa attività concertistica con il sestetto vocale ‘Italian Harmonists’ (www.italianharmonists.it), progetto musicale creato e sviluppato con alcuni amici e colleghi, che si propone di riscoprire e ripresentare al pubblico il repertorio canzonettistico italiano degli anni '30, '40 e '50, ispirandosi alle armonizzazioni originali e allo stile interpretativo dei berlinesi Comedian Harmonists.
Dal 1998 è Artista Stabile nel Coro del Teatro alla Scala di Milano

Agg. Feb. 2012

 
Torna ai contenuti | Torna al menu